8 marzo

                       CARI UOMINI, ABBIAMO UN PROBLEMA

Il problema è la violenza maschile contro le donne e non possiamo più fare finta di niente.
Perché siamo noi uomini i violenti, non ci sono scappatoie.
È una violenza strutturale che ha radici profonde e tante facce, il femminicidio è solo quella più estrema più visibile.
Vive nelle azioni quotidiane, nel lavoro, nella società, negli stereotipi e nella cultura, in famiglia, nel rapporto di coppia.
La parità di genere perde di senso se si trasforma in un artificio retorico dietro al quale ci nascondiamo e ci mettiamo a posto la coscienza.
Dobbiamo uscire dal torpore e dall’indifferenza dei nostri pensieri e delle nostre intenzioni.
Come uomini dobbiamo metterci la faccia e rompere quel silenzio assordante nel quale siamo colpevolmente avvolti.
Deve arrivare per noi il tempo della consapevolezza e della responsabilità. E di una modifica radicale della società, che è ancora profondamente patriarcale, sessista e maschilista.

PER CHI C’È, PER CHI VUOLE, CI VEDIAMO IL PROSSIMO 8 MARZO IN PIAZZA DEL POPOLO A ROMA DALLE ORE 14.

Anche se ci crediamo assolti, siamo tutti colpevoli


Firma l’appello su: www.abbaimounproblema.it
Condividi: