La Rete donne della Cgil condanna lo sfregio all’opera di Filippo Giberto a Lavezzola

Le compagne della Rete donne della Cgil di Ravenna esprimono solidarietà alla cittadinanza di Lavezzola e all’associazione “Il caffè delle ragazze”. Lo sfregio arrecato all’opera di Filippo Giberto è un’offesa a tutte, donne e uomini, e una ferita alla coscienza di ognuno di noi.
Non si liquidano certe azioni con il termine “ragazzate”; atti così subdoli, contro le donne, sono la palese manifestazione dell’ancestrale misoginia patriarcale di chi le donne le vuole silenziate.
Nessuno è autorizzato a sentirsi assolto quando si calpestano i diritti delle donne: sarebbe un’offesa per tutte le donne che hanno subito e che non vogliono più subire. La violenza contro le donne è una violazione dei diritti umani.
Non sarà possibile recuperare a breve l’opera deturpata; ma appena si potrà verrà organizzato un evento pubblico per la ricollocazione in loco.
Le donne della Cgil auspicano che simili episodi non si ripetano, mai più.
Condividi: