In piazza a Bologna per dire no al razzismo e al fascismo

Anpi, Arci, Cgil e Libera dell’Emilia Romagna hanno dato vita oggi a un presidio in piazza del Nettuno a Bologna per dire no al fascismo e al razzismo. “Oggi ci siamo ritrovati per dare un primo segnale – commenta la segretaria di organizzazione della Cgil di Ravenna, Maura Masotti - che avrà ancora più forza in occasione della manifestazione nazionale che si terrà a Roma il prossimo 24 febbraio e che vedrà insieme Cgil, Arci, Anpi e Libera”.
“Facciamo appello a tutte le forze politiche e sociali perché i fatti di Macerata non vengano, come si è tentato di fare, derubricati a gesto isolato di un folle, ma vengano riconosciuti per la loro matrice fascista e razzista - dicono Anpi, Arci, Cgil e Libera -. È perciò ancor più necessaria una forte iniziativa sul piano sociale, culturale e politico per arginare questa inaccettabile deriva. Un fronte coeso, unitario, non violento è la migliore risposta al riemergere di questa sottocultura che dovrebbe essere consegnata definitivamente ai libri di storia”.
Condividi: