Sicis condannata dal Tribunale del lavoro di Ravenna

Filctem Cgil e Uiltec Uil: “Sicis ora deve riconoscere la Rsu eletta, ritirare le sanzioni inflitte alle lavoratrici e annullare i trasferimenti”

Giovedì 4 ottobre il Tribunale del lavoro di Ravenna ha emesso una pesante sentenza di condanna della Sicis di Ravenna, rilevando ben otto distinti elementi di comportamento antisindacale.
La Filctem Cgil e la Uiltec Uil sono state costrette a passare alle vie legali a inizio estate, quando l'azienda aveva deciso non solo un ulteriore strappo al tentativo di instaurare normali relazioni sindacali tramite le l'elezione della Rsu, ma aveva addirittura deciso di colpire e punire personalmente le coraggiose lavoratrici che si erano candidate per assumere questo ruolo. Persino le attiviste che avevano osato sostenerle nella campagna elettorale erano entrate nel mirino delle ritorsioni aziendali.
Sicis è un marchio storico affermato e stimato della città di Ravenna e colloca le sue produzioni di mosaico in una nicchia di mercato estremamente interessante e profittevole. L'azienda, nei due siti produttivi cittadini, dà lavoro a circa 150 dipendenti, ma presenta un’inimmaginabile distanza tra l'esteriorità aziendale e le condizioni di lavoro alle quali vengono sottoposti gran parte delle lavoratrici e dei lavoratori.
Le parti sindacali hanno provato in ogni modo a stabilire con Sicis lo stesso tipo di buone, per non dire ottime, relazioni che sono instaurate con la quasi totalità delle fabbriche del settore ceramico, senza mai riuscire nell'intento a causa dell'atteggiamento ostile tenuto dal proprietà.
Nel corso degli ultimi anni un gran numero di lavoratrici e di lavoratori si è rivolta alle organizzazioni sindacali per lamentare le pesanti condizioni di lavoro, le disparità di trattamento e alcune mancanze dal punto di vista della sicurezza. Da qui è nata l'esigenza di dare vita a una Rsu in grado di portare sui tavoli tali questioni, alla quale l'azienda ha reagito con trasferimenti improvvisi delle candidate, ferie forzate e intimidazioni al personale, non esitando a utilizzare delle telecamere interne al fine di identificare i lavoratori votanti, richiedendo successivamente ad alcuni di loro il ritiro del voto dato. Tutte misure ben evidenziate dal giudice nel dispositivo di sentenza.
Sicis ora deve riconoscere la Rsu eletta, ritirare le sanzioni inflitte alle lavoratrici e annullare i trasferimenti.
Proprio il procedimento di elezione della Rsu e i relativi strascichi giudiziari hanno indotto l'azienda a provvedere ad alcune indispensabili migliorie all'ambiente di lavoro nello stabilimento sito in zona Bassette. Le lavoratrici, già prima della sentenza, avevano affermato che qualora fosse stato anche solo questo il risultato, lo avrebbero considerato già rilevante, perchè questa causa non mira ad affermare qualche cavillo contrattuale o a tutelare semplici prerogative sindacali, ma punta a ripristinare la dignità del lavoro, la sua sicurezza e salubrità, il diritto di avere una voce che possa interloquire con il datore di lavoro.
Come parti sindacali vogliamo augurarci che questa sentenza costituisca un punto zero dal quale ripartire con reali relazioni industriali, che porterebbero sicuramente benefici non solo alle lavoratrici e ai lavoratori ma anche all'azienda. Proprio come accade ovunque nel comparto ceramico ravennate dove, lavorando assieme alle soluzioni, si sono superate anche crisi profondissime di produzione e mercato e varati significativi progetti di sviluppo.
Un plauso speciale va rivolto alle lavoratrici, che assumendosi grandi responsabilità e dando un esempio di coraggio e caparbietà, stanno cercando di cambiare il volto del lavoro in azienda, non solo per loro stesse, ma per tutte le colleghe e i colleghi.
Ravenna, 5 ottobre 2018

Notizie in primo piano

Risultati del voto per l'accordo Coop Ceramica Imola-Faenza

Risultati del voto per l'accordo Coop Ceramica Imola-Faenza

continua a leggere >

Presidi e scioperi nel settore della gomma-plastica. I sindacati soddisfatti dell’adesione

Presidi e scioperi nel settore della gomma-plastica. I sindacati soddisfatti dell’adesione

continua a leggere >

Lavoratori del settore gomma-plastica in sciopero martedì 6 febbraio: “Giù le mani dai nostri soldi e dal nostro contratto collettivo di lavoro”

Lavoratori del settore gomma-plastica in sciopero martedì 6 febbraio: “Giù le mani dai nostri soldi e dal nostro contratto collettivo di lavoro”In programma presidi alla Vulcaflex di Cotignola e alla Nespak di Massa Lombarda

continua a leggere >